Giornatadelluditoheader 768×360

3 marzo 2017: giornata mondiale dell’udito

L’associazione “Nonno Ascoltami!” celebra l’evento al ministero della Salute.

 Udito a rischio per 1,1 miliardi di persone a causa dell’uso improprio di dispositivi audio personali e dell’esposizione ad alti livelli dannosi di rumore.

È questo il messaggio lanciato dall’Oms in occasione della Giornata dell’udito (International Ear Care Day), in programma il 3 marzo di ogni anno in tutti i paesi del mondo.

In Italia l’evento si celebra in collaborazione con il Ministero della Salute nella sede di Lungo Tevere Ripa ed è curato, per il secondo anno consecutivo, dall’associazione “Nonno Ascoltami!” e ha lo scopo di promuovere una serie di incontri e iniziative dislocate su tutto il territorio nazionale, accendendo i riflettori sul ruolo della prevenzione e dell’educazione sanitaria nella riduzione delle ipoacusie, con l’obiettivo di diffondere una corretta informazione sanitaria a una sempre più ampia platea.

A sostegno dell’iniziativa, il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, da sempre sensibile alle tematiche legate alla prevenzione dell’ipoacusia, insieme a Shelly Chadha, direttore del dipartimento prevenzione dell’Oms, che interverranno nel corso della giornata per ribadire il proprio sostegno all’iniziativa e il proprio supporto all’associazione “Nonno Ascoltami!”.

Nel corso dell’incontro, l’Associazione presenterà numerose iniziative di sensibilizzazione nei confronti dei disturbi uditivi: prima su tutte, la famosa campagna di prevenzione “Nonno Ascoltami!”, giunta quest’anno alla ottava edizione, con oltre 28 città coinvolte in tutta Italia e un Comitato scientifico composto da oltre 30 medici specialisti dell’udito.

A seguire, saranno annunciate tutte le numerose iniziative di prevenzione e sensibilizzazione sul territorio, a cura dell’associazione, che coinvolgeranno le istituzioni locali e le scuole di ogni grado.

L’Associazione rivolge dunque il suo invito a partecipare a tutti coloro che hanno dimostrato sensibilità e si sono impegnati nella realizzazione delle nostre iniziative.